Avalon - Land of Britain

Le razze di avalon

avaloniani highlander draconiani ferliath giganti catuvellanui

Storia di Britannia nell’Era del Drago, volume I

Lungo le lussureggianti colline del sud, benedetto dai caldi venti del meriggio, sorge il regno di Avalon. Gli umani lo hanno reso grande, i Draconiani forte più della roccia e dell’acciaio. Camelot ne è la capitale, il cuore pulsante. È là che risplende la sacra fiamma donata dal drago, cornice bruciante per la Spada e la Corona. Avalon tutta è la patria dell’onore e della devozione, casa di maghi e cavalieri.

div-avalon

AVAL

 

 

 

Avaloniani

Storia di Britannia nell’Era del Drago, volume III

Nessuno dei popoli di Britannia è dedito alla guerra come gli Avaloniani. Sono una macchina bellica ben oliata, guidata dalla disciplina e da ispirati comandanti. Hanno soggiogato la piaga dei fatati che infestavano le colline di Hertford, hanno sconfitto i cugini reietti dei draconiani a Coruvernum. Sono il cuore pulsante della forza di Avalon, abili nel distruggere quanto nel costruire.

div-avalon

Highlander

Cronache di Guerra, Tomo IX

Gli Highlander devono lasciare la loro casa. La faida interna con i Norden li ha visti sconfitti, scacciati verso sud. Mentre marciano a tappe forzate verso Avalon, unico regno disposto a dar loro asilo, meditano vendetta e giurano che reclameranno la loro terra natia. La battaglia era già persa in partenza, poiché sebbene fossero tra i migliori combattenti di prima e seconda linea, la loro scarsa attitudine alla magia ha permesso agli sciamani Norden di flagellare le loro linee prive di qualsivoglia difesa arcana.

div-avalon

 

Dprexiew2raconianiDraconian

Alba Draconis, Volume Unico

I Draconiani sono la progenie del Drago. Alti e possenti dominano la magia e l’acciaio. Le scaglie che ne ricoprono il corpo sono dure come ferro temprato e le corna possono essere utilizzate come armi mortali. Da sempre autoproclamatisi superiori ad ogni altra razza, vivono in montagne scavate con raffinata magia. Amano l’arte e la ricchezza sopra ogni cosa e disprezzano tutto ciò che è debolezza.

Popoli di Britannia, Capitolo I

I Draconiani sono la prima razza a essere comparsa su Britannia. Sono la progenie del Drago, natidal suo alito di vita. Sono nobili e orgogliosi e guardano gli altri popoli con altezzosità. I fisici possenti e le scaglie dure come l’acciaio li rendono molto resistenti, quindi non è raro vedere guerrieri e cavalieri di razza draconica. Nonostante l’abilità nelle arti combattive, sono anche avvezzi all’utilizzo delle correnti arcane, poiché il Drago è la magia stessa e loro sono i suoi primi figli.I loro insediamenti sono antichi e magnificenti. Grandi facciate scolpite nella roccia si aprono sui fianchi delle montagne, ma questa è solo apparenza: grandi città sono scavate all’interno e custodiscono i tesori accumulati nei secoli. L’amore per l’oro dei Draconiani è cosa nota.

  • Grande resistenza
  • Versatilità
  • Classe preferita: Knight

 

div-avalon

Ferliath

Genti piccole di Britannia, Compendio

I Ferliath sono gli amanti delle ombre. Bassi di statura e scuri di colorito si amalgamano perfettamente col buio, sparendo ben presto alla vista. Sono spie notevoli, schivi di natura. Portano rancore verso i cugini Leprechauni per fatti noti soltanto a loro. Chi tra di loro non eccelle nelle arti di sotterfugio, incanala la propria arte al servizio della magia o dell’acciaio.

div-avalon

Giganti

Popoli di Avalon, Compendio

I Giganti hanno antenati comuni con gli umani. Sono alti perlopiù una volta e mezza i cugini e la muscolatura è forte e tonica. Per quanto riguarda il colore dei capelli o della pelle, non discosta poi molto da quello di ogni altra razza umana dell’isola. Sebbene sia abbastanza raro incontrarne in grande numero, è più facile trovare degli accampamenti nell’Avalon orientale. Vivono grazie alla pastorizia e sono grandi conoscitori dei sentieri del regno. Oltre agli evidenti vantaggi fisici, possiedono in parte il dono della magia lenitiva.

div-avalon

Catuvellanui

Cronache di Guerra, Tomo VIII

Infine il popolo di Catuvellum è libero. La morsa che Talamhria aveva loro imposto si è disgregata di fronte alla forza dirompente di Avalon. Da sempre avvezzi alla magia, i Catuvellanui finalmente ora possono adoperarla per sé, anziché svelarne i segreti agli odiati carcerieri. I secoli di prigionia tuttavia hanno lasciato un marchio indelebile, i fisici una volta possenti ora sono esili e privi di forza bruta. L’arte arcana e la destrezza sono gli unici talenti rimasti.